^



Häufig gestellte Fragen - FAQ

 

Qui troverete le risposte alle domande più frequenti che ci vengono rivolte ed alcuni consigli sui Bonsai e sul nostro negozio online. Prima di inviarci una e-mail provate a cercare la vostra risposta qui. Spesso la risposta alla vostra domanda è stata già elaborata e si trova qui. In questo modo semplificherete il nostro lavoro ed eviterete i tempi di attesa della risposta. In caso contrario, saremo lieti di rispondere alle vostre domande per E-Mail.

Bonsai da interno

 

Bonsai da esterno

 

Annaffiatura ed irrigazione

 

Online-Shop

 

 

BONSAI DA INTERNO

Bonsai da interno in inverno - collocazione ed annaffiatura

È possibile tenere un bonsai da interno in un luogo riscaldato durante l'inverno e con quale frequenza bisogna annaffiarlo? Quali bonsai sono adatti per i principianti?

I bonsai che d'inverno sopportano anche un riscaldamento normale sono piante tropicali come il Ficus retusa ed il Ficus panda (entrambi Ficus dalle foglie piccole) o il Carmona retusa, il Pepe di Sichuan o la Murraya paniculata. Queste piante devono essere annaffiate ogni due giorni.

Ficus benjamina - Perdita delle foglie / Annaffiatura / Concime

Due mesi fa ho ricevuto in regalo un Ficus benjamina. Negli ultimi tempi perde continuamente foglie ed alcune diventano molto marroni. L'albero si trova davanti ad una finestra, riceve molta luce e viene annaffiato con acqua calcarea. Ho già letto molto sull'argomento ma da nessuna parte viene specificato perché le foglie diventino così scure.

Questi problemi sono molto frequenti nel Ficus. La perdita di parte del suo fogliame è stagionale ma le foglie che cadono sono gialle. Se le foglie invece restano sull'albero e diventano marroni, generalmente si tratta di un danno alle radici dovuto ad una annaffiatura o concimazione eccessive. Fate quindi attenzione a mantenere la terra sempre un po' asciutta (ma non fatela seccare) ed durante l'inverno limitate la concimazione ad ogni 2 - 3 mesi.

Olmo Cinese - Foglie gialle / Perdita delle foglie / Ragnetti rossi

Quattro settimane fa ho comprato un bel bonsai e l'ho messo su un davanzale. Sotto c'è però un termosifone e l'albero ha perso le sue prime foglie gialle. L'ho quindi rinvasato, tagliando le radici ed aggiungendo della terra per bonsai mista ad Akadama. Una settimana più tardi gli ho dato del concime e l'ho messo sul tavolo in salone, dove però non c'è molta luce. Ora perde di nuovo le foglie che diventano inizialmente verdi chiare e poi gialle. Allo stesso tempo, invece, sono spuntati nuovi germogli su altri rami. Viene innaffiato ogni due-tre giorni ogni volta che la terra è asciutta. Potreste dirmi dove sbaglio oppure è normale che le foglie diventino gialle?

Gli olmi subiscono generalmente pochi attacchi da parte di parassiti ma quando succede la causa è da ricondurre alla scelta di una posizione errata (perché alla pianta sopra al termosifone manca la naturale umidità oppure le condizioni di luce non sono ottimali). Potete verificare l'attacco dei ragnetti rossi posizionando un foglio di carta bianco sotto la chioma e scuotendo bene l'albero. Successivamente, osservate con cura ciò che è caduto sul foglio: i ragnetti rossi sono praticamente invisibili ad occhio nudo ma dovrebbe essere comunque possibile vedere qualcosa muoversi sul foglio. In questo modo avrete scoperto il problema.

Dopo un trattamento della pianta con un acaricida (che dovrebbe essere ripetuto esattamente dopo 10 giorni, il tempo necessario alle uova per schiudersi) la pianta deve essere messa in un luogo soleggiato, in modo che possa riprendersi. La concimazione poco dopo il rinvaso non dovrebbe essere troppo intensa, visto che la pianta necessita di 2-3 settimane per la formazione delle radici che assorbono le sostanze nutritive; in caso contrario, i sali minerali potrebbero risultare troppo aggressivi per la pianta. Fate anche attenzione a non tagliare troppe radici. Spesso è meglio far ristabilire l'albero prima di indebolirlo attraverso un taglio delle radici ed un rinvaso.

Ficus retusa - Foglie gialle

Ho comprato da voi un Ficus retusa. Essendo un neofita, ho qualche perplessità. Qualche foglia è diventata gialla ed è caduta. Inoltre, sembra che all'albero manchi clorofilla. Io sono fumatore ma lascio areare la stanza regolarmente. Da cosa può dipendere il fatto che alcune foglie diventano gialle come il fogliame in autunno e poi cadono? Dipende da una mancanza di clorofilla? Se sì, è possibile compensare con una annaffiatura aggiuntiva?

Dall'inizio dell'inverno in poi, il Ficus retusa perde solitamente alcune foglie più vecchie che prima erano diventate gialle. Questo processo viene innescato, tra l'altro, dall'adattamento alla stagione con meno luce e dall'inizio del periodo di riscaldamento delle abitazioni. Tuttavia, se il Ficus perde una grande quantità di foglie è presente un fattore di stress aggiuntivo come l'assenza d'acqua, la mancanza di sostanze nutritive o di luce.

Ficus - foglie lacerate

Su alcune foglie del Ficus che ho comprato da voi ci sono dei buchi e delle fenditure che presentano all'esterno un bordo brunastro. Cosa è esattamente? Devo fare qualcosa per rimediare? Se sì, cosa?

Spesso si formano delle foglie strappate quando le piante restano all'esterno. In caso di vento forte, spesso le foglie si strappano e si creano anche dei buchi. Queste lesioni non sono nocive per la pianta, ma antiestetiche. I bordi marroni possono formarsi quando è stato dato troppo concime. In caso di dubbio, quindi, sospendere la concimazione per due mesi.

Ficus - perde le foglie

Il mio Ficus perde le foglie. Prima diventano gialle e poi cadono. Circa due settimane fa ho cambiato temporaneamente l'acqua con cui lo annaffio, da quella del rubinetto a quella di sorgente. Dovrei cambiare subito la terra? Cosa devo fare?

Per il momento non bisogna cambiare la terra perché quando l'albero è debole, ed è possibile che vi siano danni alle radici, un rinvaso potrebbe nocere alle radici ancora intatte e far morire l'albero. Potete aggiungere della nuova terra solamente se siete certi, o se è probabile, che l'albero abbia ricevuto troppo concime. Ad esempio, questo potrebbe essere il caso se avete utilizzato troppo concime liquido.
In autunno, una perdita maggiore di foglie non rappresenta sempre un problema. A causa della minor quantità di luce, il Ficus perde più foglie rispetto a quelle che produce. Posizionate la pianta in un punto il più possibile illuminato ed annaffiatela solamente quando la terra comincia leggermente a seccarsi. Per il momento, evitate, inoltre, di darle del concime.
Se possibile, utilizzate dell'acqua piovana. L'acqua di rubinetto ha non pochi sali che si accumulano nella terra e che, col tempo, possono portare ad una concentrazione troppo elevata. Il risultato che si ottiene è lo stesso che in caso di sovradosaggio di concime: la pianta non riesce più ad assorbire acqua perché essa è attirata dal sale. È probabile che la terra sia umida ma l'albero si secca, dato che il sale si combina con l'acqua e non la lascia arrivare alle radici.
Se utilizzate dell'acqua di sorgente, è ancora meno probabile che questo problema si presenti, ma ancora possibile, in quanto il concime sparso sui terreni viene assorbito dall'acqua freatica. Se ne avete la possibilità, potete portarci un campione della terra della vostra pianta, così come della vostra acqua di rubinetto e di sorgente per poterne misurare la salinità. Possiamo, inoltre, misurare la salinità della vostra acqua di rubinetto e di sorgente.
Se l'albero perde moltissime foglie e ne produce sempre di nuove che cadono dopo poco tempo, è possibile che il problema sia legato ad un attaco di parassiti. Osservate, quindi, le foglie con una lente di ingrandimento (soprattutto la superficie inferiore) e verificate la presenza dei parassiti. In caso caso, sarà necessario combatterli con dei prodotti specifici.

Carmona retusa - ha perso tutte le foglie

Due mesi fa il mio Carmona retusa ha perso tutti i fiori e le foglie. Da una settimana è spuntata un'unica nuova fogliolina vicino al tronco che però non cresce. Ho potato un po' il legno secco che era umido ad una profondità di 1-2 cm. Su due rami c'era un punto nero di 1 mm circa. Cosa devo fare?

Il vostro Carmona retusa ha un dano alle radici. Non è possibile dire se si riprenderà o meno, ma solitamente non accade. Nella maggior parte dei casi si tratta di un problema di secchezza. Vi consigliamo di posizionare l'albero in un angolo ombreggiato, di mantenere la terra uniformemente umida e di non dare del concime.

Serissa foetida - Foglie gialle / Attacco di ragnetti rossi?

Più o meno a febbraio ho comprato una Serissa foetida presso il vostro negozio, che nonostante sia inverno, è cresciuta molto bene! Il mio problema è il seguente: da qualche settimana si formano in parte delle foglie secche marroni ed in parte foglie gialle con puntini neri. Però si formano anche nuovi germogli! Dato che qualche tempo fa sia il mio Carmona retusa che il mio Albero del pepe hanno avuto i ragnetti rossi, ho ipotizzato che forse le foglie gialle derivano proprio da questi. Finora non ho trattato la Serissa con alcun prodotto chimico. Ora sono perplesso. In un forum ho letto che le foglie marroni sono dovute a troppa acqua...mentre i ragnetti rossi verrebbero nel caso in cui l'albero abbia passato l'inverno in un ambiente troppo secco. Come dovrei procedere e quale potrebbe essere la causa? Innaffio con acqua del rubinetto, che qui è molto morbida, e la maggior parte delle volte la utilizzo dopo averla fatta "riposare" un po'.

Quando le foglie diventano marroni e secche significa che è presente un danno a livello delle radici dovuto ad un eccesso o ad una carenza di acqua. Nel 99% dei casi a causa di una mancanza di acqua. In linea generale, è corretto innaffiare l'albero quando la terra si secca leggermente. Sarà necessario, dunque, annaffiarlo fin quando l'acqua uscirà dai fori del vaso. In primavera accade raramente di poter innaffiare le piante più del dovuto, a meno che non l'albero non venga più volte completamente bagnato.
Visto che Lei non utilizza l'acqua piovana, è necessario fare attenzione con il concime. L'acqua di rubinetto contiene Sali minerali importanti per l'uomo ma non necessariamente assimilabili da parte delle piante. Aggiungendo del concime liquido all'acqua, non si fa altro che aumentare la concentrazione di sali esistente. Se quest'ultima diventa troppo elevata, l'acqua (attirata sempre verso il sale) non può più essere assorbita dalle radici. La terra, quindi, è bagnata ma l'albero si secca perché l'acqua è unita al sale all'interno della terra. Di conseguenza, le radici muoiono e le foglie si seccano.
Questo fenomeno si manifesta spesso in caso di rinvasi frequenti; allo stesso modo, si dovrebbe "pulire" ogni tanto la terra con dell'acqua distillata. Per farlo, posizionate l'albero in un lavandino e versate l'acqua distillata sopra la terra. Recuperate l'acqua che defluisce e versatela nuovamente sopra la terra. Ad ogni risciacquo, una piccola quantità di sale sarà ceduta all'acqua distillata e la terra verrà depurata.
Se constatate che la concentrazione di Sali è troppo elevata, vi consigliamo di dare meno concime. Se avete la possibilità di passare al nostro negozio potremmo misurare il valore del vostro albero (cioè della terra) e stabilire la quantità di Sali presenti nel terreno.
Per quanto riguada i ragnetti rossi: l'infestazione può verificarsi sempre, sia se la pianta ha trascorso l'inverno a temperature troppo basse / troppo alte o se sia stata annaffiata troppo / troppo poco. Tuttavia, le piante più vigorose reagiscono meglio alle infestazioni rispetto alle piante deboli. Per questo motivo, vi consigliamo un corretto svernamento (una ubicazione un po' più al fresco durante l'inverno) ed un angolo piuttosto luminoso, ad esempio sul vostro balcone o in giardino. In questo caso, bisognerà fare attenzione all'annaffiatura, in quanto le piante avranno bisogno di molta più acqua che all'interno della vostra abitazione. Non posizionatele sotto la luce diretta del sole, altrimenti le foglie si bruceranno. All'inizio, scegliete un angolo ombreggiato per 14 giorni; privilegiate, in seguito, dei luoghi sempre più soleggiati.
Vi consigliamo di non utlizzare prodotti chimici finché non fosse realmente necessario. I ragnetti rossi possono essere all'origine dei punti sulle foglie cui accennate. Osservate le foglie con una lente di ingradimento (soprattutto la superficie inferiore) o posizionate un foglio di carta bianco sotto l'albero mentre lo scuotete. Se osservate dei parassiti muoversi sul foglio, dovete usare un prodotto spray specifico.

Ligustro - ubicazione invernale / Concime

Ho un Ligustro. Dove deve essere collocato durante l'inverno e come deve essere concimato?

Il Ligustro è una pianta subtropicale. Durante l'inverno resiste a temperature comprese fra i 5 ed i 15 °C e necessita di un luogo luminoso. D'estate, l'ubicazione ideale è all'esterno. Per quanto riguarda la concimazione, ogni due mesi da ottobre a marzo; alternativamente, una volta al mese.

Pepe del Sichuan e Gardenia - Foglie gialle

Sul mio Albero del pepe e la mia Gardenia si formano sempre più foglie gialle: è normale? Le piante sono state messe sul balcone dove c'è sempre il sole il pomeriggio. Devo dar loro del concime?

Il più delle volte la causa delle foglie gialle è una mancanza o un eccesso di acqua e una mancanza di luce. Più raramente, la causa è da ricondurre a dei parassiti. L'ubicazione descritta sembra essere sufficientemente luminosa ed adeguata. Se le piante ricevono il sole nel pomeriggio è più che sufficiente. È difficile giudicare se abbiano ricevuto troppa acqua oppure troppo poca. Se restano sempre all'esterno devono essere annaffiate ogni giorno. Consigliamo di annaffiarle fino a quando l'acqua non uscirà dai fori del vaso. A quel punto le piante avranno ricevuto acqua a sufficienza. L'ideale sarebbe annaffiarle con dell'acqua piovana; l'acqua del rubinetto, infatti, contiene molti sali che si accumulano progressivamente nella terra determinando una concentrazione troppo elevata. Ma questo non si verifica prima di uno o due anni. Se si utilizza l'acqua di rubinetto è necessario rinvasare le piante ogni due anni, al fine di cambiare la terra contenente sempre più sali.
Diversi segnali vi permettono di individuare la presenza di infestazioni da parassiti: una osservazione ad occhio nudo, la presenza degli escrementi dei parassiti sul bordo del vaso e le foglie appiccicose. Con l'aiuto di una lente di ingrandimento, osservate se sulla superficie inferiore delle foglie si muove qualcosa. Se sì, un prodotto per combattere le infestazioni da parassiti specifico per piante da interno fa al caso vostro. Vi consigliamo un prodotto sistemico della Bayer: Calypso.
Innanzitutto, provate a ridare vitalità alle piante. Lasciatele nella loro ubicazione e non le rinvasate. Non concimatele, soprattutto non concimatele troppo, e rispettate sempre le dosi consigliate. Controllate che abbiano sempre acqua a sufficienza. Se avete dei dubbi, innaffiatele ogni giorno, persino due volte al giorno.
Non preoccupatevi se compaiono delle foglie gialle. Dopo essere state spostate in un nuovo luogo, le piante formano quasi sempre alcune foglie gialle fino a quando si abituano alla loro nuova ubicazione. I Bonsai perdono le vecchie foglie, così come noi perdiamo i capelli. Questo processo deve naturalmente avvenire entro limiti ragionevoli ed è indispensabile che si formino sempre nuove foglie.

Bonsai da interno - Strato bianco, attacco fungino?

Sulla mia terra per bonsai si è formato uno strato bianco (attacco fungino?) e non riesco ad eliminarlo. I miei tre bonsai sono da interno e stanno nel mio appartamento. Cosa posso fare?

Uno strato di funghi sulla terra si forma esclusivamente quando il ricambio di aria sulla superficie superiore della terra non è ottimale e quando la terra resta sempre leggermente umida. Ma questo succede raramente. Su nessuna delle nostre piante si sono formati dei funghi. Siete sicuri che non si tratti di una qualche forma di sedimentazione? A volte si formano degli strati di sale o di calcare che possono somigliare ai funghi.
Se si tratta effettivamente di uno strato di funghi potreste provare a mettere l'albero al sole, in modo che la terra (quantomeno lo strato superiore) sia un po' più secca. Inoltre, dovreste innaffiarlo meno e solamente quando la terra sarà leggermente asciutta. Fate ovviamente attenzione a non farlo seccare! Quando la terra sarà di nuovo asciutta, innaffiate fin quando l'acqua uscirà dai fori del vaso.
Alternativamente, o in aggiunta, potreste eliminare lo strato di funghi e mettere del granulato sulla superficie superiore della terra. Particolarmente adatta è l'Akadama extra fina o il granulato di lava con granulometria tra 1 e 5 mm. Quest'ultimo ha il vantaggio di seccarsi in fretta ma lo svantaggio di non  lasciare intravedere l'umidità della terra. Fate. dunque, particolare attenzione al momento dell'innaffiatura.

Bonsai da interno - All'inizio del periodo di riscaldamento cadono le foglie

In inverno, con l'inizio del periodo di riscaldamento delle abitazioni, le foglie si seccano, diventano marroni e cadono. Lo scorso inverno ho perso in questo modo altri due bonsai che erano cresciuti molto bene in estate: le foglie sono diventate marroni, si sono arrotolate su loro stesse, poi sono cadute e le radici sono marcite!

Quando le foglie diventano marroni e si arrotolano significa che le foglie si seccano. Non avendo rinvasato la pianta (e non avendo, quindi, tagliato le radici) la possibile causa è da ricondurre ad una mancanza d'acqua o ad un uso eccessivo di concime. In inverno, e con l'inizio dell'uso dei riscaldamenti, un indebolimento delle piante è del tutto normale ma non si dovrebbe verificare la perdita completa delle foglie.
Immagino che la pianta si trovi in prossimità del riscaldamento e che non venga innaffiata abbastanza una volta che si comincia a riscaldare l'ambiente. È probabile, dunque, che la pianta abbia bisogno di essere innaffiata ogni giorno a seconda del calore e della circolazione dell'aria. Se precedentemente è stata innaffiata ogni due giorni, è probabile che continuare ad innaffiarla secondo le "vecchie abitudini" non sia sufficiente. Assicuratevi che l'albero sia sempre un po' umido. Innaffiatelo quando la terra comincia leggermente a seccarsi e fino a quando uscirà dei fori di drenaggio. Innaffiatela di nuovo quando la terra comincia nuovamente a seccarsi.
Avete detto di utilizzare l'acqua di rubinetto per innaffiare, la quale contiene numerosi Sali minerali. Col tempo, questi si accumulano nella terra. Nel momento in cui concimate, si aggiungono dei Sali supplementari alla terra, che raggiunge un punto di concentrazione critico che non permetterà più all'acqua di raggiungere le radici (osmosi inversa). Di conseguenza, le radici non riescono più ad assorbire l'acqua. A questo punto, la terra è bagnata ma l'albero si secca. La velocità con la quale si forma una concentrazione di sali troppo elevata dipende dalla quantità di sali minerali contenuti nella vostra acqua di rubinetto e dalla quantità di concime utilizzato. Un solo dosaggio errato (o un sovradosaggio) comporta un aumento di sali nella terra. In generale, è sufficiente cambiare la terra della piante ogni due anni al fine di evitare un aumento della concentrazione di sali. Alternativamente, si può utilizzare dell'acqua distillata durante l'innaffiatura con l'obiettivo di eliminare i sali in eccesso.
Ritenendo che il problema sia legato ad una mancaza d'acqua, per il momento vi possiamo solamente consigliare di seguire i nostri consigli riguardo l'innaffiatura e di posizionare l'albero in un luogo luminoso e, se possibile, non in prossimità del riscaldamento. In aggiunta alla normale innaffiatura, sarebbe anche utile spruzzare le foglie. Evitare di fertilizzare per almeno due mesi.

BONSAI DA ESTERNO

Bonsai da esterno in appartamento?

È possibile tenere i bonsai da esterno anche all'interno di un appartamento o muoiono subito?

In linea di principio, i bonsai da esterno dovrebbero restare all'aperto tutto l'anno. In occasione di una esposizione è possibile tenerli all'interno per due-tre giorni, altrimenti no perché hanno bisogno del cambio delle stagioni e soprattutto del loro riposo vegetativo. In caso contrario, l'albero non entrerebbe nella fase di crescita e, così indebolito, potrebbe morire improvvisamente.

Filatura per Bonsai da esterno?

È necessario continuare ad applicare il filo sui bonsai che sono ormai cresciuti? L'ho visto una volta in televisione ma, purtroppo, non ho ancora esperienza con questi alberi.

La filatura è una tecnica necessaria per modellare gli alberi e permettere loro di mantenere una forma estetica una volta adulti. Spesso si rinuncia a modellare gli aceri ed altre caducifoglie tramite l'applicazione del filo per privilegiare tecniche di potatura, che sono tuttavia più difficili da realizzare.

Il mio bonsai perde le foglie ad agosto. Perché?

A maggio ho comprato un bonsai le cui foglie sono cadute a fine agosto. È normale?

Non è certamente normale che un bonsai perda le sue foglie già ad agosto. Se si tratta di un olmo cinese, è probabile che la pianta abbia dei ragnetti rossi e che necessiti, dunque, di essere vaporizzata con un prodotto specifico. Anche in caso di secchezza temporanea (perché innaffiato troppo poco) il bonsai perde le sue foglie.

Lo svernamento dei bonsai da interno e da esterno

Come far superare bene l'inverno ai bonsai da esterno e da interno?

Se i bonsai da esterno sono stati piantati in giardino con il loro vaso, le precipitazioni atmosferiche sono generalmente sufficienti per evitare che la pianta si secchi. Non necessitano, quindi, di essere innaffiate o di ricevere cure particolari. Se non vi è possibile svernare le piante in questo modo, riempite una cassetta di torba, posizionatevi la pianta con il proprio vaso e ricopritela di torba in modo che l'intero vaso sia ricoperto di qualche centimetro. Cercate poi un luogo fresco e mantenete la pianta umida durante tutto l'inverno.
Poiché l'aria degli appartamenti è più secca, l'innaffiatura dei bonsai da interno richiede un'attenzione particolare. Solitamente è necessario innaffiare le piante più spesso e, eventualmente, vaporizzarle. Tuttavia, ciò dipende dal tipo di pianta. Il Ficus del caucciù e le specie di Ficus, per esempio, sono in grado di sopportare anche un periodo di secchezza, mentre altre caducifoglie come gli olmi, la serissa, etc. devono essere regolarmente mantenute umide. Per l'innaffiatura non esiste una regola generale; essa dipende dalla ubicazione, dalla luminosità e dalla grandezza delle piante.

Ab wann sollte die Schale in eine Torferde eingesetzt werden? Geht zum Einsetzen für die Schale auch normale Blumenerde? Was für eine Plastikfolie sollte man zum Einwickeln nehmen und ab was für einer Temperatur?

Der Grund, warum die Schale mit in die Erde soll, ist, dass dann der Frost den Ballen der Pflanze nicht ständig einfrieren lässt. Wenn es einmal -2 oder -3 Grad kalt wird, friert ein in der Erde eingelassener Baum nicht komplett durch. Stünde er nur mit der Schale frei draußen, würde er einfrieren. Der Frost an sich ist nicht das Problem, sondern, dass die Pflanze vertrocknet, sobald die Erde über längere Zeit gefroren ist. Der Baum wirft seine Nadeln nicht ab und verdunstet dadurch, sobald die Sonne scheint, Wasser. Ist der Ballen gefroren, kann kein Wasser nachkommen und der Baum vertrocknet.
Sie müssen ihn also vor dem Austrocknen schützen. Das bedeutet, dass Sie ihn, sobald es draußen friert, am besten eingraben und genau beobachten sollten. Gegebenenfalls gießen, wenn es draußen wenig Niederschlag gibt. Sie können ihn in Blumenerde, Torf, oder einfach im Garten in den Boden setzen. Wichtig ist, dass um den Ballen / die Schale etwas ist, was isoliert (Erde).
Mit Plastikfolie würde ich nur arbeiten wenn es sehr kalt und gleichzeitig sehr windig ist. Die große Gefahr bei Folien ist, dass, wenn der Baum darin eingewickelt wird, es bei Sonneneinstrahlung über Tag sehr sehr warm darin werden kann. Das kann dem Baum schaden. Also: sehr kalt und windig und wenig Sonne: da kann Folie helfen. Ansonsten sollte es auch ohne Folie gehen. Wichtiger ist, dass der Baum nicht zu lange mit gefrorenem Ballen dasteht und vertrocknet.

Zelkova: da esterno o da interno?

Ho comprato una Zelkova ma non sapevo che fosse un bonsai da esterno. Morirà all'interno del mio appartamento? Cosa dovrei fare ora?

Se possedete effettivamente una Zelkova, che è un bonsai da esterno, non vi è dubbio che questa nel vostro appartamento durante l'inverno morirà. Spesso, però, anche gli olmi cinesi vengono definiti Zelkove. Gli olmi cinesi sono piante subtropicali che dovrebbero passare l'inverno a delle temperature comprese fra i 5 e i 15 °C. Al contrario, le Zelkove in inverno dovrebbero stare in un luogo con temperature non superiori ai 5°C.

 

ANNAFFIATURA e IRRIGAZIONE

È necessario filtrare l'acqua di rubinetto?

Sono costretto ad innaffiare con l'acqua del rubinetto. Prima di utilizzarla, la lascio sempre riposare una settimana. Essendo qui molto dura, la mia domanda è questa: posso utilizzare una caraffa per filtrarla o rischio di filtrare anche delle sostanze importanti che servono alla pianta?

L'acqua di rubinetto contiene molti Sali minerali. Tuttavia, questi sono nocivi per le piante, piuttosto che utili, in quanto esse non sono in grado di sfruttare tutto ciò che è contenuto nell'acqua. Utilizzando questa acqua, contribuite ad aumentare progressivamente la concentrazione dei sali nella terra che, prima o poi, non sarà più in grado di assorbirla. L'acqua resterebbe legata al sale all'interno della terra, fino ad arrivare al fenomeno dell'osmosi interna, e l'albero si seccherebbe. Per questo motivo, sarebbe sensato utilizzare un filtro (per esempio uan caraffa BRITA) per purificare l'acqua. L'acqua piovana non contiene sali ed è la più indicata per innaffiare le piante. Naturalmente, dovrete miscelarla di tanto in tanto con del concime, in modo che la pianta riceva le sostanze nutritive necessarie.

 

SHOP ONLINE

Problemi con il Login

A volte riceviamo delle e-mail dei nostri clienti che non riescono ad effettuare il login con i dati personali sul nostro shop online. Questo può dipendere da diverse cause:

  • Avete dimenticato la vostra password.
  • Avete attivato per errore il tasto "Blocco maiuscole".
  • Avete provato precedentemente ad accedere con un indirizzo e-mail sbagliato.
  • Durante la vostra ultima visita, avete deciso di effettuare un ordine senza iscrivervi.

er ragioni di sicurezza la password verrà soltanto registrata nella nostra banca dati; per questo motivo, non abbiamo alcuna possibilità di comunicarvela. Nel caso in cui aveste dimenticato la vostra password, inserite il vostro indirizzo e-mail su questa pagina in modo da poterne ricevere una nuova per e-mail. 

LO SAPEVATE...?

  • Durante la visualizzazione delle foto di un articolo potete scegliere la foto precedente o seguente utilizzando le frecce sulla vostra tastiera.
  • Per chiudere la visualizzazione delle foto è sufficiente premere il tasto "ESC".
  • Su tutte le pagine del nostro sito potete scorrere rapidamente all'inizio o alla fine utilizzando rispettivamente i tasti "Home" e "End".